ASPETTI ORGANIZZATIVI, CLINICI, FORMATIVI E DI RICERCA
NELLA CULTURA INFERMIERISTICA BRASILIANA
Home - Pagina 1 - Pagina 2 - Pagina 3 - Pagina 4

 

LA CONTRADDIZIONE BRASILIANA

Io non so perchè
L'essere più puro come il bimbo
Ancora una volta venga maltrattato
Da una realtà brasiliana così cruda e contraddittoria
Io non so perchè le giovani donne
Perdano la loro verginità
Con tanta semplicità e violenza allo stesso tempo

Tiziana Reggio

 

È da molti anni ormai che il Collegio Ipasvi Roma per implementare lo scambio di conoscenze e competenze infermieristiche con altri paesi sceglie di effettuare esperienze di scambio proficue sia sul piano intellettuale che sul piano dei costumi e delle abitudini. Abbiamo scelto il Brasile non solo per l'indiscutibile bellezza di un paese che i brasiliani definiscono, a ragione per la sua grandezza (circa 30 volte l'Italia), un continente, ma soprattutto per l'incredibile ricchezza professionale di cui il Brasile è portatore.
Il nostro viaggio è cominciato in quel di Rio de Janeiro, incantevole località adagiata sull'Oceano Atlantico dove sebbene sia inverno il sole splende sereno, sovrano e scopriremo presto che 30c° sono la norma, insomma è piena estate in aggiunta ad un'umidità non consueta dalle nostra parti. Il 30/05/05 dopo avere attraversato il sambodromo, aver visto molte favelas o comunidad come le chiamano i nativi, che come piccoli presepi si arrampicano su tutti i morros della città, essere passati accanto al jardin zoologico andiamo a visitare l'ospedale universitario Pedro Ernesto di Rio (HUPE) che si trova nel quartiere Villa Isabel nella direzione di Jacarè. Arriviamo nell'aula magna dell'ospedale dove ad accoglierci c'è il direttore della scuola infermieri Sergio Correa Marquis ed altri dirigenti infermieristici. Dopo il saluto di rito e l'introduzione ai lavori, dove ci hanno reso edotti che è da poco passata la settimana d'infermieristica che qua in Brasile è un evento regolato da norme ben precise all'interno della quale si sono tenute varie commemorazioni all'interno della facoltà di infermieristica (facultade de enfermagem), a tutti i partecipanti è stata consegnata una documentazione sui lavori bilingue e una simpatica tessera di infermieri onorari dell'HUPE.


Foto 1: Conferenza nell'ospedale universitario Pedro Ernesto dell'università di Rio de Janeiro.

La parola è passata subito alla Prof. Dr Helena Maria S. Leal che ci ha parlato del Sistema Sanitario Brasiliano (SUS) la sua legislazione e la sua organizzazione. Il sistema Unico di Salute brasiliano ha molti aspetti analoghi a quello italiano, il servizio è gratuito per tutti i cittadini brasiliani ed è data notevole importanza agli aspetti di prevenzione delle malattie endemiche tipiche del Brasile. Essendo il Brasile un paese immenso ci sono alcune diversità di offerta di servizi tra il nord del Brasile più povero ed il sud est del Brasile (regione di Rio, di S. Paolo, di Rio Grande do Sul) più ricco. Anche se il Brasile ha un enorme percentuale di giovani rispetto a paesi come l'Italia anche qui si comincia a sentire un certo invecchiamento della popolazione anche se bisogna ricordare che la media di vita degli uomini è circa 67 anni e leggermente più alta quella delle donne. La mortalità infantile, d'altrocanto è molto elevata con punte del 37% nel nord est (regioni di Bahia, Pernambuco, Piarà, Maranhao, etc.) e del 17% nel sud-est, con una media del 25,6% nell'intero territorio. Stante queste cifre di mortalità infantile e visitando le strutture sanitarie pubbliche capiamo come circa il 40% degli abitanti del Brasile (i più abbienti) preferiscano pagare un piano di assistenza privata soprattutto nelle grandi città, dove gli ospedali pubblici non funzionano perfettamente, che ha costi diversi dipendendo dai servizi offerti. Comunque, non c'è una separazione totale tra sistema pubblico e privato, infati, alcuni servizi (emodialisi, etc.) sono forniti solamente da ospedali pubblici. Dal punto di vista legislativo il Brasile ha tre sistemi di regolazione:

  1. Un sistema federale che si occupa di centri d'eccellenza dove si eseguono trapianti ed interventi medico-infermieristici ad elevata tecnologia,
  2. Un sistema statale (dei singoli stati di cui è costituito il Brasile) che si occupa di ospedali di media complessità,
  3. Un sistema comunale a livello più vicino ai cittadini che si occupa di programmi di salute per la famiglia tramite équipe integrate tra medici, infermieri, agenti di comunità, etc..

Dopo aver enfatizzato la necessità di eliminare il clientelismo politico che inficia anche il sistema sanitario brasiliano la Prof. Dr Helena Maria S. Leal ha lasciato la parola al direttore della scuola infermieristica Prof. Sergio C. Marques che ci ha parlato della struttura organizzativa dell'ospedale Pedro Ernesto che è il nosocomio collegato dell'Università statale di Rio de Janeiro.


Foto 2: Un momento dell'incontro nell'Hospital Universitario Pedro Ernesto dell'università di Rio de Janeiro.

Foto 3: Traduzione appassionata da parte di un interprete italiana trasferitasi da molti anni in Brasile.


Foto 4: Mappa geografica del Brasile.

Il Padre Ernesto è un nosocomio con 541 posti letto ed è un ospedale che offre molti servizi specialistici tra cui chirurgia vascolare, cardiochirurgia, neurochirurgia, ginecologia, oftalmologia, ortopedia, urologia, otorinolaringoiatria, pediatria, malattie infettive etc. Detto ciò, il Prof. Marquis, che è anche il direttore infermieristico dell'HUPE, ci illustra l'organigramma organizzativo dell'ospedale con particolare attenzione all'articolazione del dipartimento di infermieristica che è in staff al Manager dell'ospedale.
Le unità totali infermieristiche dell'ospedale ammontano a circa 1100 tra infermieri laureati (con graduaçao - circa 220), figure infermieristiche tecniche (tecnicos de enfermagem - circa 500) e ausiliari di infermeria (auxiliares de enfermagem - circa 400).
Vedremo in seguito il livello di formazione di queste 3 figure infermieristiche e il loro ruolo all'interno dell'assistenza e la possibilità per loro di proseguire la formazione con corsi di specializzaizone, corsi di mestrado e dottorati di ricerca in infermieristica.

Il Prof. Sergio C. Marques conclude la sua relazione porgendo il saluto e ricordando l'opera della direttrice della facoltà di infermieristica, l'infermiera Thiresinha Hobrega da Silva, dell'Università di Rio de Janeiro, che è anche direttrice di tutto il centro biomedico dell'università di Rio, composto dalla facoltà di Medicina, di Odontoiatria, dalla facoltà di Biologia, dalla facoltà di Infermieristica etc.
La nostra meraviglia a questo punto cresce ascoltando un'infermiera direttrice di una facoltà di infermieristica che è anche direttrice congiunta di tutte le facoltà biomediche: in Italia tale fatto è un'utopia. Non solo non esiste alcuna facoltà di nursing, ma, soprattutto, i posti funzionali sono occupati da professionalità diverse da quelle infermieristiche!!!!!!!!
Indi, ha preso la parola infermiera laureata coordinartice dell'unità oprativa di ostetricia e ginecologia, Abilene Gouveia, che ha Presentato il progetto "Hospital Amigo da Criança" (l'ospedale amico dei bambini), un progetto elaborato già dal 1991 per favorire l'allattamento al seno attraverso 10 passi sequenziali di una metodologia consolidata a livello internazionale. 319 ospedali brasiliani prendono parte a questa iniziativa.
L'ultimo intervento della proficua mattinata è stato effettuato dall'infermiera coordinatrice dell'unità operativa di chirurgia generale Graciete S. Marques, che ci ha parlato del ruolo e delle competenze dell'infermiere tecnico all'interno del reparto di chirurgia, dell'enorme mole di chirurgia proctologica svolta dal dipartimento per il quale lavora e soprattutto enfatizzando la metodologia scientifica con la quale gli infermieri dell'unità operativa erogano assistenza utilizzando il processo di nursing così come descritto mirabilmente da una importante infermiera brasiliana degli anni 80 del 900 Wanda de Aguiar Horta.

Dopo la serie di relazioni preordinate ed il dibattito sui concetti presentati siamo stati accompagnati con infinità amabilità e competenza all'interno dell'ospedale universitario a visitare le varie unità operative che però, confrontandole in seguito a quelle degli ospedali privati visitati, non offrono lo stesso livello di comfort e accoglienza.


Foto 5: Visita nelle unità operative dell'Hospital Universitario Pedro Ernesto di Rio de Janeiro.

Dopo un volo notturno da Rio de Janeiro a S. Paulo arriviamo a notte, stanchi ed abbastanza affamati nella città paulista ma con il pensiero solleticato dal fatto che l'indomani avremmo visto una delle più efficienti strutture sanitarie del Sud America l'Instituto de Ensino e Pesquisa "Albert Einstein" dell'università israelita di salute.
Nel percorso in pulmann scopriamo l'immensità della città paulista con i suoi 20 milioni di abitanti i suoi innumerevoli grattacieli e le immancabili favelas.

Home - Pagina 1 - Pagina 2 - Pagina 3 - Pagina 4